martedì 9 settembre 2014

Handmade: perché bisogna farsi pagare in anticipo.

Molto spesso sento lamentele di creative che, dopo aver realizzato un lavoro su commissione, si ritrovano a non essere pagate a causa di ripensamenti o "sparizioni" della cliente che l'aveva richiesto. Io stessa nel mio lavoro di grafica e personalizzazione dei materiali per le creative mi sono a volte trovata in questa situazione per essermi fidata.

D'altra parte, nonostante sia generalmente ferrea su questo punto (farmi pagare SEMPRE in anticipo l'intera somma), a volte mi faccio carico delle problematiche più comuni (aspetto lo stipendio, aspetto il pagamento di una cliente, ti ricontatto tra un mese perché ora non posso, ecc.), dato che purtroppo non mi sono sconosciute! Chi, di questi tempi, non ha passato (o passa ancora) momenti di grande incertezza o - peggio - reale impossibilità a spendere per cose considerate EXTRA?

Io stessa insisto sempre per pagare subito le commissioni che faccio alle creative, un po' perché non mi piace sentirmi in debito, ma soprattutto perché, come tante di voi, anche io vivo un po' la giornata, con alti e bassi lavorativi e quindi economici. Quando mi capita di vedere qualcosa che mi piace molto ed essere nella situazione di non sentirmi troppo in colpa nel concedermela, voglio pagarla subito. Nei giorni successivi infatti potrebbero presentarsi imprevisti che mi costringerebbero a maggiore prudenza e io odio fare brutte figure con persone che dedicano il loro cuore e il loro tempo libero a realizzare cose così uniche. Oltretutto alcune sono anche mie clienti!


Sono certa che molte si trovino in questo imbarazzo quando, dopo aver deciso di acquistare qualcosa, vengono costrette ad affrontare necessità più vitali: spesa, bollette, stipendi in ritardo, ecc. Sono convinta che le persone (la maggior parte) siano "buone" e che poste davanti a delle scelte a volte debbano preferire quella più saggia, magari venendo meno all'impegno preso con una di voi e comportandosi in modo scorretto... Ovvio, ci sono anche le recidive e quelle non meritano altro che disprezzo.

Convincetevi quindi, quando una cliente si fa avanti per chiedervi un progetto personalizzato, che è giusto chiedere il pagamento totale della commissione al momento della conferma d'ordine. Se vi accordate per essere pagate DOPO, il rischio di dover aspettare decadi o rinunciare completamente al giusto compenso per un'opera già realizzata avendo anticipato, tra l'altro, l'acquisto di materiali, è abbastanza alto.

(image via http://allthings-kawaii.tumblr.com)
Rispondete a questa lista di ottime domande: spero vi sarà di aiuto per superare quell'incomprensibile senso di colpa che hanno molte di voi nell'adottare la sana abitudine di farsi pagare in anticipo. 

Queste domande dovrebbero farsele anche le eventuali clienti! ;)

  1. Quando acquistate qualcosa in un negozio, la pagate subito oppure dite "passo più tardi"?
  2. Quando acquistate su Ebay, Amazon, Etsy o qualsiasi altro sito ecommerce, pagate subito o aspettate lo stipendio per saldare?
  3. Quando create su commissione, a parte le vostre ore di lavoro, anticipate le spese di materiale (non importa se lo avete in casa, lo avete comunque già pagato)?
  4. E le bollette della luce che state usando per lavorare la notte e per cuocere il fimo col fornetto, le pagherete voi, vero?
  5. Quando comprate da una creativa come voi, pagate subito o rischiate di trovarvi a pagare magari un mese dopo in concomitanza con bollette alte o imprevisti (si rompe un elettrodomestico, bisogna fare il tagliando all'auto, l'amica si sposa, ecc.)?

E inoltre chiedetevi: 

  1. La cliente che NON paga subito è la vostra cliente ideale
  2. E se non paga subito, attribuisce la giusta importanza al vostro lavoro e all'azione stessa di fare quel tipo di spesa?

La risposta è dentro di voi ed è... GIUSTA! Tanto per citare Quelo. ;)

Se vi va, ditemi la vostra sull'argomento.
A presto!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Tutti i lavori pubblicati su questo blog, quando non diversamente specificato, sono di mia proprietà intellettuale e sono protetti con MyFreeCopyright.
Se, inavvertitamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge, si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente alla rimozione.