lunedì 23 giugno 2014

Campagna per la salvaguardia del logo. Aderisci anche tu!


Salve a tutti, questo non è proprio un tutorial, ma una serie di regole utili da sapere quando utilizzate il vostro logo (che ve lo abbia fatto io oppure no).

la foto tessera di una pazza!
Il logo è la carta di identità della vostra attività, che sia hobbistica o professionale: sulla vostra carta d'identità mettereste una foto ritoccata, camuffata, deformata, con effetti speciali? La risposta è ovvia, e se per caso voi foste così matti da presentarvi all'ufficio anagrafe con una fototessera come descritta sopra, ci penserebbe l'impiegato a spiegarvi che esistono delle regole da rispettare: la vostra foto deve identificarvi, deve permettere il vostro riconoscimento, quindi perché il vostro logo dovrebbe essere trattato diversamente? :)

Vedo loghi di creative e hobbiste (ma non solo, anche di aziende, che dovrebbero essere un po' più avvezze a certe nozioni) massacrati in tutti i modi: schiacciati, stretchati, inclinati, deformati, con caratteri che mutano con il mutar delle stagioni, colori che seguono l'estro del momento.... e poi piazzati su sfondi improbabili, incasinati, affollati di mille elementi.... poveretti, mi domando che delitto abbiano compiuto per meritarsi tutto questo. :)

Quindi, poiché il mio cuore di grafica soffre ogni qual volta assiste ad abusi di questo tipo e sanguina letteralmente quando l'abuso è ai danni di un logo da me creato, ho pensato di scrivere qui un promemoria: poche regole base per l'utilizzo del vostro marchio.


Utilizzi non corretti.
  1. NON modificare o invertire i colori originali
  2. NON distorcere la grafica e le proporzioni
  3. NON alterare le proporzioni fra i vari elementi che compongono il marchio
  4. NON separare o modificare gli elementi che costituiscono il marchio
  5. NON modificare i font
  6. NON ruotare, capovolgere, inclinare, riflettere
  7. NON inserire su fondi fotografici o confusionari: cercate SEMPRE comunque di valutare se il marchio resta leggibile e riconoscibile


Distanze e dimensioni.

Premesso che ogni logo potrebbe avere delle necessità diverse a seconda di come è stato concepito, è buona norma:
  1. NON ridurre le sue dimensioni a tal punto da comprometterne la leggibilità
  2. Lasciare intorno ad esso SEMPRE un po' di "aria", cioè una distanza sufficiente dagli altri elementi del contesto in cui viene utilizzato perché abbia un giusto risalto e non venga "soffocato" dal resto.

Normalmente ci sono molte più regole da rispettare, ma in questo caso ho voluto semplificare a quelle più importanti per permettervi di non commettere più gli errori classici: se avete avuto l'intelligenza di capire che vi serviva un logo che identificasse e valorizzasse i vostri prodotti o servizi, proteggete il vostro investimento e continuate a migliorare la vostra immagine con poche semplici regole.

Il tuo marchio sei tu: rispettalo! :D

Di seguito alcuni loghi realizzati di recente.














Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Tutti i lavori pubblicati su questo blog, quando non diversamente specificato, sono di mia proprietà intellettuale e sono protetti con MyFreeCopyright.
Se, inavvertitamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge, si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente alla rimozione.