martedì 30 agosto 2011

Vacanze finite, ma con una bella sorpresa!

Eh già, oggi io e Zephy siamo rientrate a casa dopo 15 giorni nella bella Maremma, all'insegna dello svacco totale, del mare, della buona cucina della suocera e delle passeggiate in pineta. E alle 15,30 rieccoci di nuovo alle prese con la quotidianità. Non aggiungo l'aggettivo "triste" perché mentirei: stavo bene in vacanza, ma mi mancava la mia casa e il mio laboratorietto incasinato.

Oltretutto a rendere più piacevole la mia ultima sera a Marina di Grosseto è stata una visitina che ho fatto al blog della mia amica Alessandra: M.O.M.A. Style Blog. Mentre mi mettevo in pari con la lettura (era qualche giorno che non lo visitavo) scopro con mio immenso stupore di essere stata da lei insignita del "One Lovely Blog Award"! Può sembrare una sciocchezza, ma io, che non ho mai preso un blog award prima d'ora, mi son sentita quasi come se avessi dovuto ritirare l'Oscar per la miglior attrice non protagonista!!! Ahahah! E' stato davvero carina Alessandra e la ringrazio tantissimo!

Ora però la tradizione vorrebbe che io a mia volta premiassi 7 blogger e scrivessi qui 7 segreti che mi riguardano. Il primo compito è semplice, il secondo un po' meno perché imperverso sul web da così tanto tempo che la mia vita è quasi sotto gli occhi di tutti! Quindi magari scaverò nella mia infanzia, che dite?


Comincio coi 7 segreti poi passo alle premiazioni.
  1. Da piccola credevo che mettere il formaggio grattato sulla minestra la facesse raffreddare. Non chiedetemi come giunsi a questa deduzione assolutamente bizzarra, ma si sa, i bambini hanno una logica tutta loro.
  2. Nella mia vita ho collezionato diversi soprannomi derivanti dai motivi più assurdi: Alle medie WOOBINDA (le mie sorelle ancora mi chiamano così). Motivazione: poiché son sempre stata orba, una volta, per guardare un paese molto a nord della carta geografica appesa in classe, mi venne naturale di mettermi la mano sulle arcate sopraccigliari, come per l'appunto faceva il protagonista della serie "Woobinda" nella sigla finale. Al ginnasio PANE E VOLPE perché credevo a qualsiasi cazzata mi raccontassero (purtroppo tendo ancor oggi a fidarmi troppo degli altri). Alla scuola di grafica CLOACA MAXIMA perché mangiavo di tutto a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo e restavo sempre una taglia 42 (ora non è più così, purtroppo). Sempre alla scuola di grafica MAESTRA CALABRIA che stava a significare che ero un po' troppo saputina e rigida (purtroppo tendo ancor oggi a questo atteggiamento). Recentemente mi è stato appioppato GNOMY, perché sono "alta" 160 cm e vivo in un funghetto velenoso. 
  3. A vent'anni suonavo il basso in un gruppo dark, gli OBSCURA NOX. Esistono ancora le prove dell'unico concerto... sembro un po' Dracula dei poveri, ma che bei tempi!
  4. Esiste uno stile illustrativo che mi causa dei malesseri di cui non so spiegare l'origine. Un'ansia che mi spinge a smettere di guardarli. Mi riferisco ad un paio di esempi di film d'animazione: "Appuntamento a Belleville" che mi sono imposta di vedere fino alla fine, ma le cui immagini al solo ricordo mi mettono nell'angoscia più profonda; e poi "L'illusionista", stesso regista stesso disegnatore. Tremendamente mesto....
  5. Ad un anno cantavo tutto il tema del Valzer di Strauss e il mio pediatra (mi raccontano) rimaneva di sasso. Quel valzer è ancora uno dei miei preferiti sia per via del film "2001 Odissea nello Spazio", sia perché mi ricorda una cara zia che me lo suonava sempre al piano (e io da lei lo imparai a cantare!).
  6. Da quando uso il computer non so più disegnare.
  7. Prima di morire voglio vedere New York perché è la città di uno dei miei registi preferiti: Woody Allen.


E ora i 7 blog che mi sento di premiare (in ordine sparso):
  1. Narcysa Retro Chic, per la sua simpatia, il suo stile brillante, la sua originalità, il suo sapermi portare in atmosfere da film d'epoca;
  2. Shabby è Chic - Gustavian Style, perché oltre a essere il blog di una cara amica è un posto dove si possono trovare lavori stupendi, ma anche la vita raccontata da una donna fuori dell'ordinario;
  3. Vivere in Camper, perché invidio il coraggio del protagonista e trovo che renda anche un servizio utilissimo per chi vuole cambiare vita. Leggete e fantasticate.
  4. Shabby & Charme, per le bellissime immagini che riesce sempre a scovare e a riproporre creando fantastiche atmosfere e dando anche molti spunti per arredare.
  5. L'aroma del caffè, per le sfiziosissime ricettine tutte da provare!
  6. Chez Bobo Bijoux, perché oltre ad essere una splendida creativa e pure una con con le palle! :)
  7. Lineecurve, perché ha due manine che fanno miracoli con ago e filo!

Ecco. Non è stato semplicissimo, eh? Però così è deciso, la seduta è tolta!

venerdì 12 agosto 2011

TUTORIAL N. 1: La lavagna con svuotatasche incorporato (prima puntata)

Ciao a tutti! Ho deciso di iniziare con una serie di tutorials che spero possano interessarvi e stimolarvi a realizzare cose che magari sono anche distanti dal tipo di oggetti che siete soliti creare.

Come ho detto più volte, io amo fare tante cose diverse perché per me principalmente un hobby dev'essere un antidoto alla noia e fare sempre le stesse cose non mi piace. Quindi spazio abbastanza tra decorazione e bigiotteria.

Oggi voglio spiegarvi come ho realizzato questo progetto che mi è stato commissionato il mese scorso da una coppia: una lavagna magnetica da muro con una mensola per svuotare le tasche.


Di cosa avete bisogno:
  • Il progetto!!! Senza quello non saprete nemmeno cosa dovrete procurarvi :) Qui per ora ve lo dico io!
  • 1 tavola di legno che farete segare direttamente dove la comperate (di solito i Brico fanno il servizio di taglio legno)
  • 1 lavagna magnetica (in alternativa può essere una lavagnetta in ardesia, in sughero oppure anche uno specchio! In un ingresso anzi mi sembra la cosa migliore)
  • Primer per legno + pennello
  • Smalto colorato (il colore che avete scelto, io comunque uso sempre smalti ad acqua perchè non puzzano e inquinano meno) + pennello
  • Frisk film per realizzare lo stencil
  • Missione (colla) per foglia oro + pennello
  • Vernice per doratura (le altre vernici possono ossidare la foglia, soprattutto la foglia oro)
  • 1 scatola di foglia argento (oppure oro se il vostro progetto viene meglio) + pennello asciutto e pulito
  • 1 molletta di legno
  • 6 gancetti a L in metallo smaltato
  • 4 gancetti di quelli chiusi + catenella q.b.
  • Decorazioni tipo strass
  • Colla attack
  • Fimo + formine
  • 12 viti autofilettanti
  • Trapano o Dremel + avvitatore
  • Flatting spray
  • Piastrine forate per appendere la lavagna

Realizzazione:

Intanto dovete aver fatto un minimo di progetto. Il progetto vi serve per primo, come vi dicevo. Io ho raccolto le esigenze dei clienti e le ho interpretate così:
Sono quindi partita da una tavola delle dimensioni di 1 m. x 50 cm. e me la sono fatta segare per ottenere dei pezzi delle dimensioni che vedete nell'illustrazione. 65+26+6. Non ho potuto sfruttare come mia intenzione l'intera altezza perché durante in taglio va sempre via qualche mm. Inoltre queste tavole non sono perfettamente a squadra quindi bisogna comunque rifilarle.

Ho preso le misure sulla tavola più grande per segnare l'area dove avrei posizionato la lavagna, poi ho passato la prima mano di primer su tutti e tre i pezzi. Poi, dopo diverse ore (c'è scritto sul barattolo del primer che userete quante), ho passato la seconda mano e ho fatto asciugare.

Poi sono passata alle mani di smalto, almeno 3, sempre aspettando che asciugasse BENE tra una mano e l'altra.


Nel frattempo ho stampato in dimensione reale la decorazione scelta per realizzare lo stencil. Siccome era grande, ho stampato le sezioni su fogli A4 e le ho unite con lo scotch. Infine ho ricalcato tutto sul Frisk Film per aerografisti, usando un pennarello indelebile a punta sottile.

Come vedete la parte dove va la lavagnetta non l'ho ricalcata e ho invece preso tutto il contorno della  tavola grande
Quando lo smalto si è asciugato perfettamente, ho applicato piano piano lo stencil adesivo, staccando gradatamente la carta sotto e aiutandomi per il posizionamento con i riferimenti che mi ero presa sul Frisk. Una volta steso tutto lo stencil, con un cutter ben affilato l'ho inciso per realizzare la mascherina per la colla da doratura (missione). Attenzione a non calcare troppo per non rovinare la tavola dipinta! :)


Una volta terminato di incidere, aiutandomi con la punta del cutter ho rimosso tutte le parti intagliate lasciando libere le zone dove andava spalmata la missione.


Ho steso la missione col pennello ed ho atteso 20 minuti perché "tirasse".
Ho quindi cominciato l'applicazione della foglia argento senza rimuovere il film adesivo, per sporcare il meno possibile il resto della tavola.


Questa fase merita un piccolo approfondimento.

Infatti la foglia argento è quasi impalpabile e volatilissima, quindi spegnete i ventilatori e chiudete le finestre quando la stendete: vola ovunque e si sbriciola con estrema facilità. L'applicazione di per sé è semplice: basta posarla delicatamente e spennellarla sulle zone dove avete steso la colla. Tutto ciò che non si incolla lo spennellate via e lo buttate, oppure i pezzi più grossi li recuperate e li spennellate su altre zone. Avanti così fino a coprire tutte le parti interessate.

Sempre prima di rimuovere il film ho passato la vernice per doratura per proteggere la decorazione in argento.

Infine, MOLTO DELICATAMENTE, ho rimosso tutto il film adesivo e il risultato è stato questo:


FINE DELLA PRIMA PUNTATA.

martedì 9 agosto 2011

L'inaugurazione dell'Atelier Shabby è Chic a Sarzana

Con un po' di ritardo (non solo un po' visto che sono passati 10 giorni!!!) vi voglio raccontare dell'inaugurazione di un meraviglioso atelier: è quello della mia amica Marzia Salvestrini, arredatrice, decoratrice, ma... che dico, questi aggettivi sono riduttivi perché lei è soprattutto un'artista. Lo è dentro e fuori, ha quella pazzia tipica delle persone davvero creative e uno stile che può anche non incontrare i gusti della maggior parte della gente, ma è indiscutibilmente SUO!

Da qualche mese era impegnata nella ristrutturazione dei locali e poi nell'arredo (TUTTO DI SUA CREAZIONE E REALIZZAZIONE) e questa inaugurazione la attendevamo con ansia tutte noi sue amiche. E così sabato 30 luglio, il giorno prima del mio compleanno, anche io ho preso la macchina e sono andata a rendere omaggio alla Marchesa di Carabas!!! ^__^

Devo dire che in foto avevo avuto idea di qualcosa di stupendo ed è stato molto interessante vedere il prima e il dopo man mano che i lavori procedevano (il tutto è documentato sul suo blog Shabby è Chic - Gustavian Style, vale la pena seguirlo, credetemi); ma entrare lì è stata una vera folgorazione! MERAVIGLIOSO! Non c'era una virgola che non fosse al suo posto, pur essendo pieno di mobili e oggetti di ogni genere!


E lei era raggiante anche se visibilmente agitata e preoccupata perché tutto andasse per il meglio! Ma non c'era motivo di preoccuparsi, era tutto perfetto!!!


E' stato fantastico anche conoscere di persona tante amiche di Facebook e di blog: Anna Voltattorni, Eugenia Della Lucia, Susanna Tesini, Lorena Milano. E poi anche nuovi incontri come Silvia Furci (che è rimasta scioccata dalla mia collana NON ROMPERMI LE UOVA, ahahah!) e Mara Cugnach. Peccato l'assenza di Grazia Maiolino che avrei conosciuto molto volentieri di persona!

La serata è scivolata via allegramente tra lo stupore per la location, le risate con le amiche, l'ottimo cibo (mmmmmmmh, i formaggi francesi puzzoni, COME LI AMO!!!) e tante foto, scattate da tutte noi per immortalare l'evento!!!

A tutte quelle di voi che sono rimaste incuriosite, consiglio di visitare il blog di Marzia, ma soprattutto di visitare il suo atelier che inoltre si trova in una splendida località ligure vicinissima alle Cinque Terre. Quale occasione migliore per abbinare la vacanza ad una visita a questa adorabile e vulcanica amica mia? ^__^



Marzia è in grado di cambiare completamente faccia alla vostra casa, è magica, forse un po' streghina perché davvero non so come ci riesca: è pure veloce!!!

Guardate come ha rivoluzionato tante case di clienti e amici e stupitevi!!! Anche un vecchio mobile che buttereste via, lei lo trasforma in qualcosa di assolutamente principesco ed unico, qualcosa da cui non potreste mai più separarvi!


Shabby è Chic, atelier d'art et decoration, si trova a Sarzana (La Spezia), in via Mascardi 5, praticamente in centro storico: la giusta cornice per questo spazio dal sapore antico. Marzia sarà felice di accogliervi con la sua consueta simpatia, ironia, follia e soprattutto con tutta la sua pluriennale competenza. 

E se non potete andare fin là, non mancate di fare un giretto nel suo BLOMMING SHOP.

domenica 7 agosto 2011

Mi piace impacchettare


L'ho già detto, mi piace "vestire" le cose che regalo in modo da renderle più "appetitose" per chi le riceve. In questo caso è per la nascita di un bambino.



Carta di riso azzurra, nastro animato da fioristi e applicazione in legno: semplice e delicato per un bambino appena arrivato! :)



sabato 6 agosto 2011

La lavagna con svuotatasche incorporato - FINITA!


Eccola la mia ultima creazione, pronta per essere spedita a Paolo e Milena!

Il progetto originale è stato arricchito con delle decorazioni in strass e con due ulteriori calamite a cuore, oltre alle due catenelle per rinforzare il ripiano svuotatasche.

Che ve ne pare? A me piace molto, spero che piaccia anche ai legittimi proprietari!!!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Tutti i lavori pubblicati su questo blog, quando non diversamente specificato, sono di mia proprietà intellettuale e sono protetti con MyFreeCopyright.
Se, inavvertitamente, è stato pubblicato materiale soggetto a copyright o in violazione alla legge, si prega di comunicarlo e provvederò immediatamente alla rimozione.